Un bicchiere di Cabernet Sauvignon, per favore

Chi beve solo acqua ha qualcosa da nascondere, diceva Baudelaire. Le qualità del Cabernet Sauvignon dell’azienda agricola Al Ponte, invece, sono note a tutti.

Il Cabernet Sauvignon è un vitigno che presenta grandi capacità di adattamento al territorio, alle variazioni climatiche e alle diverse modalità di vinificazione.
Da questa natura resistente derivano le sue proprietà organolettiche fortemente distintive: dall’analisi olfattiva c’è una predominanza di frutti rossi, in particolare ribes nero e amarena, mescolati a tracce del sottobosco.
Al gusto, un vino robusto, solido con particolari sentori di liquirizia e di tutte quelle note rilasciate dal legno durante le lavorazioni, vaniglia, tabacco, legno di cedro, che fanno del Cabernet Sauvignon un bouquet molto strutturato, aromatico e riconoscibilissimo.

Il Cabernet Sauvignon è natio del territorio di Bordeaux, con precisione nel Médoc, ma l’altissima adattabilità delle sue uve, ha permesso produzioni eccellenti anche in altri territori, rendendolo uno dei vitigni più presenti nel mondo.
Tra le produzioni extra territorio più eccellenti abbiamo quella veneta, tra le quali appunto spicca l’azienda agricola Al Ponte, che negli anni si è trasformata da piccola cantina sociale agli attuali 12 ettari interamente adibiti a vitigni autoctoni e non.
I terreni ubicati più a sud, in prevalenza argillosi, hanno prodotto un corposo Cabernet del Veneto 16; i terreni più a valle hanno generato un Igt Cabernet Franc del Veneto più vivace e meno strutturato.
Per gli amanti del Cabernet Sauvignon l’azienda Al Ponte, vi pone davanti all’imbarazzo della scelta, con un occhio sempre attento alla naturalezza del prodotto, riducendo l’impatto chimico dei solfiti al massimo. Una politica aziendale indirizzata al rispetto ambientale, alle innovazioni e alla naturalezza del prodotto.

Amici a cena? In cantina avete una bottiglia di Cabernet Sauvignon dell’azienda Al Ponte e non sapete come abbinarla?
Ecco come esaltare al meglio in tavola questo vino eccezionalmente profumato, tannico, strutturato e maestoso:
• la selvaggina è il binomio per eccellenza, cattura al meglio tutte le note del vino. La carne di cinghiale, soprattutto se stufata, ne evidenzia le note di ginepro e di mirtillo.
• La carne di maiale cotta alla griglia esalta le note di ribes.
• Altro abbinamento che ben si sposa con il Cabernet Sauvignon è il tartufo, se accompagnato con un vitigno più basico non fortemente speziato.

Accostamenti da evitare assolutamente:
• il Cabernet Sauvignon non è un vino da aperitivo
• da escludere categoricamente con il pesce, qualunque sia il modo in cui viene cucinato
• non si sposa bene con piatti piccanti o speziati
• non è un vino da dessert

Il Cabernet Sauvignon va servito ad una temperatura di 16 °- 18° e lasciato ossigenare lentamente.

Appassionati del Cabernet Sauvignon, alla ricerca di produzioni familiari incentrate sulla riduzione dei solfiti, sulla naturalezza a tutti i costi e sulla eco-sostenibilità, l’azienda agricola Al Ponte fa al caso vostro.

Vieni a scoprire l’azienda Al Ponte, tra un bicchiere e  l’altro, potrai godere delle bellezze del territorio veneto. E perchè no, tornare a casa con una bottiglia in più in cantina.

Leave a Comment

Your email address will not be published.