Raboso: secoli in un calice

Percorrendo in lungo e largo il Veneto si ha la fortuna di imbattersi in una miriade di vitigni autoctoni.

Sfumature violacee di uva e l’odore del mosto nell’aria. La felicità dei sensi per gli amanti di un buon bicchiere di vino. Vitigno autoctono trevigiano antichissimo risalente agli inizi del seicento, il Raboso è un vino brioso, fresco e leggero come le acque del Piave dai cui acquisisce tutti i suoi straordinari aromi.

La longevità del vino Raboso è dovuta alla forte resistenza dei vitigni alle malattie che possono attaccare le viti e pregiudicarne la produzione e al lungo processo di vinificazione prima della messa in vendita.

Nel mese di ottobre nella zona trevigiana del “Fiume Sacro della Patria” vengono raccolte le uve che diverranno Vino Raboso. Dopo la raccolta si susseguono due fasi di fermentazione: una prima che si ferma con l’arrivo del primo freddo lasciando il vino leggero e molto fresco; una seconda che riprende dopo il rigido inverno e conferisce al vino una morbida briosità e retrogusti fruttati. Con la lenta macerazione delle bucce si ottiene quella corposità che si allontana dalle note tanniche e più astringenti  del Raboso più giovane, e lo rende più adatto all’invecchiamento.

La lunga fermentazione in botti di legno, il consumo dopo un periodo di almeno tre anni di invecchiamento ed essiccamento, hanno trasformato il Raboso in vino D.O.C dopo decenni in cui è stato definito vino da taglio.

Grazie agli anni di affinamento in barrique, il Raboso è un vino che si presta ad accompagnare perfettamente le carni rosse alla bracia e formaggi stagionati ed invecchiati ma il suo gusto deciso e corposo lo rendo anche un ottimo vino da meditazione per i mesi più freddi.

Nell’azienda agricola Al Ponte è possibile fare un tour olfattivo e visivo della ricchezza, del pregio e della naturalezza delle uve venete, con la garanzia della loro politica dallo slogan dall’uva al vino, con semplicità e nessuna mediazione innaturale.

Che sia in versione tannica ed aspra o con la dolcezza dell’appassimento il Vino Raboso è sempre una buona idea!

 

Leave a Comment

Your email address will not be published.